Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

L’accessibilità al patrimonio museale e l’educazione artistica ed estetica delle persone con minorazione visiva (19 e 20 aprile 2007)

Sono aperte le iscrizioni alla quarta edizione del Corso Nazionale di Formazione e Aggiornamento ‘L’accessibilità al patrimonio museale e l’educazione artistica ed estetica delle persone con minorazione visiva’.

Il corso vuole fornire al personale dei settori interessati le conoscenze e gli strumenti necessari per favorire l’integrazione scolastica e sociale delle persone con minorazione visiva rendendo accessibile il patrimonio museale e promuovendo una corretta e significativa educazione all’arte e all’estetica.

Un appuntamento qualificante per docenti, responsabili e operatori dei Servizi Educativi dei musei e delle Soprintendenze e operatori del settore dell’handicap.

Il corso si terrà nella sede del Museo Omero e, realizzato in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Provinciale di Ancona di Ancona, costituirà crediti formativi, riconoscibili ai sensi delle disposizioni vigenti.

Apertura delle iscrizioni: lunedì 26 febbraio.
Chiusura delle iscrizioni: venerdì 13 aprile.

Allegati

cArte d’Amore: laboratorio creativo per San Valentino al Museo Omero

Manifesto dell'iniziativa

In collaborazione con il Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

Mercoledì 14 febbraio alle ore 18.00 il Museo Tattile Statale Omero di Ancona organizza, in collaborazione con Patrizia Calderone, il laboratorio creativo “cArte d’Amore”.

L’attività rientra nell’iniziativa Innamorati dell’arte organizzata dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali per il giorno di San Valentino con l’intento di avvicinare sempre più i cittadini all’immenso Patrimonio Culturale del nostro paese.

Chi desidera regalare o regalarsi un messaggio d’amore originale ispirato all’Arte e alla Poesia e creato con le proprie mani lavorando carte speciali, può venire mercoledì 14 febbraio pomeriggio alle ore 18 al Museo Omero, in via Tiziano 50 al laboratorio “cArte d’Amore”.

Sotto la guida di Patrizia Calderone i partecipanti daranno forma con forbici, colla e fantasia ad un biglietto d’amore, componendo un messaggio suggerito dai grandi artisti e poeti e ritagliando la carta preferita tra diverse tipologie molto particolari al tatto: carta luna, carta con fibra di banana e gelso e con inserti floreali, mika, batik, carta di riso con cereali, double face.

La partecipazione al laboratorio creativo “cArte d’Amore” e l’ingresso al museo sono gratuiti.
I posti sono limitati. Si consiglia di prenotare chiamando il Museo Tattile Statale Omero al numero telefonico 071.2811935 o inviando una e-mail a didattica@museoomero.it .

Concerto di Gala del pianista Andrei Korobeinikov

Andrei Korobeinikov al piano

Il Museo Tattile Statale Omero di Ancona, in occasione della riunione del Direttivo dell’Unione Europea dei Ciechi, presenta il Concerto di Gala del pianista Andrei Korobeinikov, uno dei più giovani talenti emergenti nel panorama internazionale.

Sabato 10 febbraio alle ore 21,30 presso il Teatro Sperimentale di Ancona, Andrei Korobeinikov, pianista russo, eccezionale per virtuosismo e temperamento, si esibirà in un programma che comprende musiche di Beethoven, Ciajkovskij, Chopin, Skrjabin, Rachmaninov.

Per Ancona si tratta di un gradito ritorno dopo l’entusiastica accoglienza tributatagli dal pubblico lo scorso agosto nella terrazza della Regione Marche e dopo il “tutto esaurito” al Ridotto delle Muse del 10 dicembre.

Sabato 10 febbraio tutti coloro che ancora non hanno avuto modo di ascoltarlo o vogliono di nuovo lasciarsi trasportare dall’intensità del suo tocco sono invitati al Teatro Sperimentale intitolato a “L. Arena” alle ore 21,30.

Il concerto, organizzato dal Museo Tattile Statale Omero, vuole rendere omaggio al Direttivo dell’Unione Europea dei Ciechi che quest’anno ha scelto di incontrarsi in Ancona dall’8 all’11 febbraio proprio grazie alla presenza in città di questo museo unico in Europa.

La serata è a scopo benefico. L’ingresso è ad offerta. Il ricavato verrà devoluto al Centro Oncologico dell’Ospedale di Macerata, diretto dal dott. Luciano Latini.

I posti non sono numerati. Si consiglia di prenotare chiamando il Museo Tattile Statale Omero al numero telefonico 071.2811935 o inviando una e-mail a info@museoomero.it.

Andrei Korobeinikov è nato nei dintorni di Mosca il 10 luglio del 1986. Iniziato lo studio del pianoforte a 5 anni, si è subito rivelato come un bambino prodigio, vincendo il suo primo concorso per giovani pianisti all’età di 7 anni e continuando a collezionare primi premi in Russia e all’estero. Tra l’altro, nel 1998 ha vinto il Concorso Internazionale per Giovani Pianisti “Città di Senigallia”.

Nel 2001 è stato accettato nel Conservatorio Statale “Ciajkovskij” di Mosca (uno dei più prestigiosi del mondo) entrando nella ristrettissima schiera degli allievi di Andrei Diev. Si è diplomato nel marzo 2006 con il massimo dei voti e la lode. Ancora studente, ha vinto, nel 2004 il 3° Concorso Internazionale “Skrjabin” e nel 2005 il Premio del Pubblico nel 2° Concorso Internazionale “Rachmaninov” di Los Angeles.

Nel 2006 ha ricevuto in Russia il Premio “Shostakovich”. Nonostante la sua giovane età si è già esibito in 21 Paesi ed in prestigiose sale di concerto quali la Sala Grande del Conservatorio di Mosca, la Sala Lisinski di Zagabria, la Sala Verdi di Milano, la Salle Cortot di Parigi, la Hamarikyu Asahi di Tokyo ecc.
Nel luglio 2006 è stato invitato dal Festival della Roque d’Antheron (Francia) per sostituire Ivo Pogorelich. Il 27 gennaio 2007 suonerà a Londra con l’Orchestra del RCM sotto la direzione di Vladimir Ashkenazy.

Il successo di Andrei Korobeinikov è legato soprattutto all’intensità del tocco, al suo virtuosismo non comune e ad un temperamento capace di trascinare il pubblico con la sua prorompente energia.
Questo giovane ha già conseguito la laurea in giurisprudenza e parla correntemente quattro lingue.

Programma:

Prima parte
Beethoven Ludwig (1770-1827):
– 6 Bagatelle op. 126. Andante con moto cantabile e compiacevole – allegro – andante cantabile e grazioso – presto – quasi allegretto – presto-andante amabile e con moto;
– Sonata n. 23 in fa min. op. 57 “Appassionata”
Allegro assai – andante con moto – allegro ma non troppo.

Seconda parte
Ciajkovskij Petr Ilic (1840-1893):
– Romanza in fa min. op. 5. Andante cantabile
– “Piccola Meditazione” (“Scena della Vita Russa dei campi”) op. 59;
Chopin Fryderyk (1810-1849):
Polacca in la bem. magg. op. 53 “Eroica”;
Skrjabin Aleksandr Nikolaevic (1871-1915):
3 Studi: op. 42 n. 4 e n. 5, op. 65 n.3
Rachmaninov Sergej Vasilevic (1873-1943):
– Sonata n. 2 in mi bem. min. op. 36. Allegro agitato – non allegro; lento – l’istesso tempo; allegro molto allegro molto.