musei civici venezia

Piazza San Marco 52
30124 Venezia VE

Contatto: Cristina Gazzola email cristina.gazzola@fmcvenezia.it tel. 0412700373

Per persone con:

Periodo: tutto l'anno su prenotazione

Attività: Venezia e il profumo: essenza tra le mani presso il Palazzo Mocenigo - Centro Studi di Storia del Tessuto, del Costume
Percorso plurisensoriale che si sviluppa principalmente, ma non esclusivamente, nella sezione del museo dedicata al profumo e alla sua storia. Sono previste vere e proprie esperienze emozionale e sensoriali attraverso attività di esplorazione tattile e olfattiva di materie di origine naturale, tra cui quelle che gli antichi veneziani reperivano in Oriente lungo le "Vie delle Spezie". Vie ripercorribili grazie ad una mappa a rilievo che ripropone i percorsi delle Mude, ossia le carovane navali organizzate dalla Repubblica di Venezia per procurarsi e commercializzare queste preziose sostanze. La lettura di alcune stravaganti ricette cinquecentesche svelerà poi i "segreti" dell'antica arte profumiera veneziana, tra cosmetica, medicina, scienza e magia. Prove di riconoscimento e di associazione, infine, avvicineranno al mondo delle fragranze che stanno alla base delle complesse "famiglie olfattive" da cui nascono tutti i profumi.
(La sede museale attualmente è sprovvista di ascensore. Note su barriere architettoniche del museo: scala per accedere al piano nobile del museo; toilettes non a norma.)

Le forme del moderno. Scultura a Ca' Pesaro presso il Ca' Pesaro - Galleria Internazionale di Arte Moderna 

Il percorso prevede l'esplorazione tattile di opere rappresentative di Ca' Pesaro, museo con la maggior collezione di arti plastiche del Novecento (e dintorni) esistente a Venezia. Dopo un'analisi tattile di particolari elementi architettonici del palazzo, capolavoro del barocco veneziano di Baldassarre Longhena completato da Antonio Gaspari, la visita prosegue al primo piano del museo con l'esplorazione di alcune sculture originali di artisti tra cui Medardo Rosso, Adolfo Wildt, Constantin Meunier, Max Klinger, Arturo Martini, Giacomo Manzù ed Henry Moore. 

Un tocco di natura presso il Museo di Storia Naturale
Il Museo di Storia Naturale come "contenitore" di suggestioni, capace di comunicare informazioni e contenuti di alto livello scientifico attraverso esperienze multisensoriali: qui è possibile guardare, toccare, sentire, capire...il percorso si snoda nelle sale espositive tra fossili da manipolare, collezioni etnografiche, reperti naturalistici che raccontano l'evoluzione della vita sulla terra, la nascita della museologia scientifica, la complessità della natura e delle forme viventi. 

Un poema di pietra presso il Palazzo Ducale
Il "Museo dell'Opera" di Palazzo Ducale conserva 42 dei più antichi capitelli medievali e altri materiali originali provenienti dal portico del piano terra e dal loggiato di Palazzo Ducale, ove, a seguito del restauro del 1755 sono stati sostuiti da copie. I capitelli offrono uno straordinario e poetico racconto in 3D di storie, credenze, usi e mestieri antichi della città. L'esplorazione tattile si concentra 1) sulla riproduzione a grandezza naturale del "capitello dei mestieri" che permetterà di comprendere la rappresentazione delle singole "arti" effigiate; 2) su elementi architettonici che possono restituire la sensazione delle reali dimensioni e della particolare struttura dell'edificio. 

Tra ambienti e capolavori del Settecento presso il Ca' Rezzonico – Museo del Settecento veneziano
Il percorso tattile al museo di Ca' Rezzonico prevede l'esplorazione di preziosi arredi e suppellettili realizzati da Andrea Brustolon, uno dei più grandi scultori in legno del Barocco, e di alcune opere scultoree, tra cui le allegorie dell'”Inverno” e dell'”Autunno” di Giusto Le Court e lo splendido busto in marmo raffigurante la “Dama velata” di Antonio Corradini. L'attività è eccezionalmente arricchita dalla visita alla Farmacia “ai Do San Marchi”, posta al terzo piano del museo e qui ricostruita, nel 1936, utilizzando mobili e oggetti d’uso originali. Questo particolare ambiente, normalmente non accessibile al pubblico, si compone di tre stanze, tra loro comunicanti: la bottega vera e propria, allestita con un elegante mobilio in radica di noce scura con vasi in maiolica decorata, destinati a contenere le spezie e i materiali necessari alla confezione dei medicamenti, opera della manifattura veneziana dei Cozzi; il laboratorio con il caminetto, il fornello e gli alambicchi in vetro prodotti nelle fornaci muranesi; il retro-farmacia con la boiserie in legno d’abete, impreziosita da capitelli intagliati, e i due grandi mortai usati per polverizzare le materie prime.
Il museo è completamente accessibile. L'attività si svolge solo su prenotazione, effettuata con largo anticipo.

Anche per questo percorso la mail da contattare è education@fmcvenezia.it  e il recapito telefonico è lo 0412700370.

In generale sia i percorsi attivi che i laboratori che proponiamo nei nostri musei (ad esclusione della Torre dell'Orologio) sono strutturati secondo criteri di massima inclusione, ma sono sempre rimodulabili in base a eventuali e specifiche esigenze. 

A questo link trovate ulteriori informazioni http://www.visitmuve.it/it/servizi-educativi/esigenze-speciali/

Link esterno: